“Evergreen
Sguardi intergenerazionali nella contemporaneità”

Conoscere la contemporaneità, entrare nella complessità: è questo il filo conduttore che attraversa le azioni proposte dal Centro sotto il titolo “Evergreen – Sguardi intergenerazionali nella contemporaneità”.

Il progetto con le azioni del Centro punta a valorizzare la capacità propositiva dei giovani e a creare opportunità per farne emergere i talenti soprattutto nei nuovi settori professionali e manageriali che hanno nella “cultura”, nelle sue infinite modalità comunicative, il loro punto di forza.  Trasversalità fra le pratiche, le discipline specialistiche e le loro storie, attenzione insaziabile verso la diversità, capacità di osservazione e “sguardo”, creatività intellettuale congiunta a sperimentazione scientifica sono le attitudini che quei settori richiedono e che il Centro fa crescere con le sue offerte formative.

Il progetto, “Evergreen”, sostenuto dalla Regione Friuli Venezia Giulia con un contributo di 10 mila euro – bando per Manifestazioni divulgative della cultura umanistica -, prende avvio il 28 agosto con la seconda edizione della “iSDC Trieste Summer School” e prevede una serie di attività che proseguiranno fino a fine febbraio 2020. Lungo questo percorso, pur in un mondo tanto diverso, il fascino del pensiero leonardesco e del suo modus operandi non ha mancato di suggestionare e di richiamare l’attenzione su determinati aspetti messi in nuova luce dagli studi recenti. Di questa suggestione si coloreranno anche le azioni ormai già “storiche” realizzate dal Centro: alla seconda Trieste Summer School e alla sesta edizione delle Giornate internazionali di studio “Giovani, Cultura e Istituzioni”, si aggiungerà una Giornata di studio sul tema “Leonardo da Vinci: un’opera aperta. La lingua e i suoi sottocodici” e l’avvio della Digital Library.

Si porranno a confronto Modernità e Contemporaneità sul terreno della definizione dei loro saperi e indagando il nesso “leonardesco” fra cultura umanistica e sapere dei tecnici, che percorre una parte importante della storia della scienza insinuandosi proprio oggi nelle pieghe di ogni dibattito.

“Linguaggio” e “Dialogo” saranno particolare oggetto di discussione critica, coerentemente con le linee direttrici perseguite dal Centro, per favorire la presa di coscienza dei valori di un paradigma di osservazione e di ricerca della verità scientifica ampio, libero e aperto a dimensioni diverse.

Il diritto al dialogo è un diritto fondamentale umano

Gabriella Valera